IL TERRITORIO SI RACCONTA

26/10/2015




Expo ha dimostrato il paradigma del globale più locale



Spero che, nell’euforia del successo di Expo, nessuno si offenda, facendone un piccolo bilancio, se lo raccontiamo come un microcosmo dove per sei mesi si è rappresentato il macrocosmo.

Mai tanti paesi del mondo avevano partecipato ad una esposizione universale. È già un successo. Che smentisce i tanti che, nell’epoca della rete e del virtuale che rende tutto accessibile e vedibile, avevano profetizzato l’inattualità della fisicità prossima, che per di più ti fa stare in coda per vedere.

L’adagio di fine secolo più globale-più locale, ha segnato l’evento milanese nella forza elementare del “io c’ero”, “io ci sono stato”, “l’ho visto”. Il tutto certificato da un selfie, naturalmente. Se vogliamo ragionare di discontinuità dobbiamo scavare nella natura sociale e politica dell’evento.

Gli Expo del passato erano eventi di un primo popolo, le élite del primo mondo sviluppato, che parlava ad un secondo popolo indicandogli la via della civilizzazione tecnologica e industriale. Erano celebrazioni di potenza verso nazioni “arretrate” e fiere campionarie ad uso interno del paese organizzatore, per le masse inserite nel ciclo fordista dell’industrializzazione che veniva avanti.

Forse Shanghai è stato l’ultimo così articolato, per celebrare la valenza geopolitica del turbocapitalismo cinese, che diceva al mondo e al suo popolo “ci siamo anche noi”. Anche se il tema “Better city, better life” introduceva riflessioni assai critiche sul modello delle megalopoli.

Il tema di Milano era tutto fuorché potente, nel suo evocare attraverso la metafora del cibo scarsità e fame e processi di innovazione economica, sociale e culturale, per vivere nel mondo globale. Tant’è che mi pare fuori luogo questa corsa di tanti a celebrarlo come potenza “dell’italietta” che si fa primo popolo.

Senza nulla togliere alla giusta rivendicazione e all’orgoglio dell’aver realizzato, nell’epoca della crisi globale, un evento di incontro e confronto che riportava tutti sulla terra. Intesa come terra madre del cibo e della conservazione e sopravvivenza del pianeta: la potenza del limite altro dalla celebrazione della potenza della crescita. Che rimanda al rapporto dialettico tra terra e territorio e al ritorno, nell’economia del quaternario, al primario dell’agricoltura. Il che interroga anche il concetto di territorio inteso come la costruzione sociale che insiste sopra la terra con le forme dell’abitare, del lavorare e del fare impresa dell’uomo. Temi evocati nella Carta di Milano, consegnata al Segretario Generale dell’Onu, nel solco di messaggi epocali come l’enciclica papale, dai Millenium Development Goals dell’Onu e dal summit di Cop 21 a Parigi sulla governance dei cambiamenti climatici.

L’Expo di Milano è stato anche un tassello inserito in questa riflessione epocale. Ma non dimentico che le Expo, per loro natura, sono un evento forte della società dello spettacolo che riescono e hanno successo se sincreticamente tengono assieme il tema e il parco a tema. I tre luoghi emblematici che rimarranno, il Padiglione Zero, Padiglione Italia e la sua mostra, avevano come traccia narrativa il tema dell’Expo presente e spalmato anche nei padiglioni dei paesi, l’Albero della vita con le sue luci e i suoi fuochi d’artificio è stato l’emblema del parco a tema e della movida serale. Tutto si tiene. Purché nel fare un bilancio si tenga conto del rapporto binario e sincretico tra segnali forti e segnali deboli.

L’Expo ha funzionato come una grande macchina dell’economia dell’esperienza: è stato un magnete che ha lavorato sulla base della potenza psicologica del meccanismo del “io c’ero”. Questo produce segnali forti indiscutibili: si è ormai superato l’obiettivo dei 20 milioni di visitatori, interno al magnete degli alberghi hanno fatto il +60%, le carte di credito +30%, i flussi di telefonia e reti +160%. Aggiungendo poi i 14 milioni che hanno guardato l’Albero della vita la cui immagine ha intasato la rete, abbiamo tanti numeri che pesano sul Pil e l’indotto. A cui vanno aggiunte anche, come segnali forti, le ricorrenti visite di capi di stato e di star della società dello spettacolo.

I segnali deboli sono carsicamente sotto traccia, non per importanza ma per magnitudo comunicativa. Più di ottomila seminari e incontri durante Expo sul tema a cui si aggiungono le migliaia organizzati sui territori e nelle scuole per andare ad Expo. I tanti incontri tra le delegazioni estere e mondi delle imprese e dell’agricoltura, tutte le Caritas del mondo convenute a Milano per porre il tema della fame, i contadini mobilitati di Carlin Petrini e l’afflusso costante delle scuole e dei bambini in una visita maieutica ai cambiamenti epocali sul tema del cibo e dell’agricoltura.

Dei segnali forti ci si accinge a fare un bilancio partendo dalla forza dei dati economici, il Pil. I segnali deboli, che rimandano al Benessere equo e sostenibile (Bes), sono da valutare guardando ai mutamenti del fare società e alla riflessioni sul modello di sviluppo che verrà. Dalla green economy che sussume il limite ambientale e sociale nel processo di accumulazione del capitalismo, che fa green society nel delineare coscienza di luogo e qualità della vita, sino alla nuova questione sociale globale, delle migrazioni dei profughi che fuggono da fame e guerre. Tutti temi dell’agenda della Carta di Milano. Quanto riusciranno a trasformarsi in segnali forti dipenderà dai tanti bambini e i tanti giovani che con le loro scuole hanno invaso Expo.

Forse l’Expo di Milano un primo risultato della discontinuità lo ha già ottenuto: gli Expo che verranno, Kazakhstan e Dubai, avranno come tema questioni fondamentali come l’energia e le connessioni della mente. Appaiono dunque tre temi come cibo, energia e mente, che interrogano l’uomo e il suo futuro.



archivio »

RUBRICHE

MERCATO E MERCATI

30/09/2015
La riconquista. Una nuova relazione
fra campagna e città

Tra i temi sui quali l’Expo Milano 2015 ha centrato il proprio interesse - e che ha una fortissima attinenza con i contenuti della Carta di Milano - c’è sicuramente la relazione tra campagna e c...

Arch. Teresa Maria Sorrentino e Arturo Semerari
archivio »

UNA FINESTRA SULLA SCIENZA

3/09/2015
La grande bellezza del paesaggio italiano
Qual è il paesaggio più bello? L'Italia gode in questo ambito di fama mondiale, eppure il nostro paesaggio, come tutti gli altri, deve fare i conti con le attività umane. In futuro la sfida consis...

Silvia Fineschi e Alberto Giuntoli
archivio »

STORIE

1/10/2015
Un’Impresa etica
E’ una storia vera, non così conosciuta come meriterebbe....

Paolo Ghiazza
archivio »

DOSSIER

1/05/2015
La Carta di Milano
Vai all'articolo "La Carta di Milano è soltanto l'inizio"        ...
archivio »

IL PADIGLIONE GIORNO PER GIORNO

31/10/2015
Il meglio della giornata - 31 Ottobre
Gran finale di Expo Milano 2015 all'Open Air Theatre e il nostro saluto a tutti voi...
archivio »

IL COMMENTO

30/10/2015
Dalla lana di mare ai tessuti di arance, ai tornelli più sostenibili del mondo: presenti a Expo alcune delle innovazioni selezionate da ADI e in corsa per il Premio Compasso d’Oro 2017
Il Premio Compasso d'Oro istituito nel 1954, è il più antico e prestigioso premio mondiale per il Design e l’Architettura. ...

Nicoletta Chiorri
archivio »

L'ALTRO VISSANI

25/10/2015
Torrone Canelin
Dolce tipico natalizio, insieme a panettone e pandoro, il torrone ha origine molto antiche che alcuni farebbero risalire all'antica Roma, come attesterebbero citazioni di Marco Gavio Apicio nel suo ...

Gianfranco Vissani
archivio »

STORIE DI GUSTO

13/10/2015
Golosaria
...
archivio »

BRICIOLE

29/05/2015
Banco Alimentare a Expo
Cominciano le attività di recupero

25 maggio 2015, EXPO. Dal 2 maggio sono cominciati i recuperi di Banco Alimentare in Expo....

Martina Viganò
archivio »

IL PRODOTTO


Nessun articolo per questa rubrica

AGROFOOD

22/09/2015
Lagostina: il piacere italiano di fare buona cucina
La storia di Lagostina si intreccia con la storia della società italiana a partire dalla sua nascita a Omegna nel 1901. La sua spinta innovativa emerge rapidamente: nel ‘33 Lagostina è la prima a...

Fausto Milanesi
archivio »

SUPERMARKET

15/04/2015
Per il museo nazionale al Quirinale
C’è un lieve brusio attorno al Colle del Quirinale, vari pensieri affiorano su cosa fare di quell'enorme e magnifico palazzo. È un po' come l’inizio del poema sinfonico La Moldava di Smet...

Carlo Orlandini
archivio »

QUI POLLENZO

29/10/2015
Quando il cibo si fa benessere.
Alimentazione e qualità della vita

La recente apertura di Expo 2015, dedicata al cibo (“Nutrire il Pianeta, energia per la vita”) sta contribuendo a porre al centro dell’attenzione, da parte di mass-media e opinione pubblica, il...

Paolo Corvo e Gianpaolo Fassino
archivio »

ECO CUCINA

28/09/2015
SalvaLaCena:
Riso troppo cotto con la Silvana

Un attimo di distrazione o magari anche più di un attimo…Ed è facile ritrovarsi con il riso stracotto. Come porre rimedio e trovare comunque un utilizzo? Sicuramente dovremo cambiare piano e qu...

Lisa Casali
archivio »

DIRITTO AL CIBO

1/05/2015
La Carta di Milano
è soltanto l'inizio

È stata definita un “documento di cittadinanza globale”, uno strumento fortemente partecipato, finalizzato a coinvolgere i cittadini di tutto il mondo attorno al tema della sostenibilità della ...

Silvia Torraca
archivio »

CASE HISTORY

18/05/2015
Bouquet di sapori
L’impresa ortofrutticola sarda ‘Sa Marigosa’ lancia la sfida dei prodotti sott’olio sempre all’insegna dell’alta qualità. Lo slogan aziendale: «Non facciamo conserve, conserviam...

Elisabetta Tufarelli
archivio »

NOI E LA CINA

1/10/2015
L’arte della carta ritagliata, un tramite con la cultura cinese
Ancora oggi in Cina, secondo la tradizione popolare, alla vigilia della Festa della Primavera, le donne ritagliano fogli di carta rossa in varie forme per decorare gli stipiti delle finestre e delle ...

Istituto Confucio dell'Università degli Studi di Milano
archivio »

CURIOSITA'

12/05/2015
Alimenti particolari e specialità rare in Italia (seconda parte)
LA SALAMA DA SUGO Da più di cinque secoli regina della gastronomia Ferrarese é la Salama da sugo, considerata dagli esperti “il sapore più forte e maturo” ed al tempo stesso, più elegante di...
archivio »

LE PAROLE DEL GUSTO

10/09/2015
Se non è espresso, non è caffè!
Un caffè all’italiana ...

Paolo D'Achille
archivio »

CIBO E SALUTE

29/06/2015
Infiammazione da cibo
Esiste anche l'infiammazione da cibo e oggi è possibile misurarla e definirla andando quindi al di là della conoscenza di valori del sangue come la VES e PCR che da oltre 50 anni restano gli unici ...

Giorgio Calabrese
archivio »

IL PIATTO PER EXPO

28/07/2015
Consistenze di zucca con caviale Calvisius e profumo di salvia
Ingredienti per 4 porzioni ...

Chef Beppe Maffioli • Ristorante Carlomagno • Collebeato (Bs)
archivio »

PROGETTI PER LE DONNE

27/07/2015
Vulvodinia
AIV Onlus è la prima associazione in Italia a occuparsi di vulvodinia, nata per volontà di alcune figure sanitarie e di alcune donne, guidate dal Dott. Murina che aveva deciso di indirizzare i s...
archivio »

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk

I SOCI DI EXPO

logo-mef-new
logo-bie-paris
logo-bie-paris
logo-bie-paris
logo-bie-paris

PARTNER

logo-mef-new
logo-mef-new
logo-mef-new
logo-mef-new

logo-mef-new
logo-mef-new

SPONSOR TECNICO UFFICIALE

logo-mef-new
logo-mef-new
logo-mef-new
logo-mef-new
geox
diadora
logo-mef-new
logo-mef-new
logo-mef-new

MEDIA PARTNER

logo-mef-new