QUI POLLENZO

25/10/2015



Arts & Foods, sodalizi visivi e sensoriali



Premetto: c’era del pregiudizio. L’ennesimo evento di Expo, la centesima mostra sul cibo.

Senza lettura alcuna di recensioni e comunicato stampa, varco propedeuticamente la familiare soglia della Triennale di Milano per valicare subito dopo quella ancora sconosciuta dell “unico Padiglione di Expo Milano 2015 in città”, la mostra Arts & Foods, che apprendo dal cartellone informativo in ingresso, avvalersi di Germano Celant, già direttore della 47esima Biennale di Venezia, come curatore e dello Studio Italo Rota per l’allestimento.

Domina l’atrio del Palazzo dell’Arte un’istallazione che alimenta il mio scetticismo offrendomi come primo colpo d’occhio l’immagine del noto marchio con archetti gialli su fondo rosso, non un buon inizio per una mostra sul cibo e i suoi rituali, o forse, una sottile provocazione?

La mostra si rivelerà laboriosamente articolata in tre fasi narranti il rapporto del cibo con l’arte e i suoi diversi linguaggi e dell’arte a servizio del cibo, indagando le relazioni attraverso due piani di lettura: nella prima parte quello cronologico, nelle restanti quello tematico.

La prima sezionesi apre con quadro del 1880 di James Ensor, Natura morta con anatra, e si chiude con una raccolta di oggetti in plastica di Guzzini e Alessi degli anni 50-60. Nel mezzo quasi un secolo di storia, non del cibo e dell’alimentazione come erroneamente prevedevo, ma di storia dell’arte e del design che al cibo e all'alimentazione molto devono, raccontate attraverso molteplici espressioni quali pittura, scultura, fotografia, riproduzioni in scala 1:1 di ambienti domestici, negozi e caffè dell’epoca, oggetti di design per la casa, arredi, attrezzi del mestiere e utensili. Emergonoalcuni temi come il Cibo in viaggio, il Cibo e la Ritualità,esemplificativo è il rito del sakè giapponese, l’Art Nouveau e lo Jungendstil. Il quotidiano attrae il mondo dell’arte e lo contamina, in questo caso come sodalizio con il design italiano come succederà con il futurismo che vede Giacomo Balla realizzare un servizio da tè e Luciano Baldessarri progettare il bar Craja a Milano.

A guardar bene fra teche e ambienti ricostruiti, una sezione in particolare  colpisce per la sua eccezionale attualità, nell’abito del discorso americano sulla guerra, numerose pubblicazioni dell’epoca vennero dedicate all’orto di guerra sottotitolando espressioni del tipo “come si coltivano e si cucinano gli ortaggi” ,“nozioni e consigli di orticoltura pratica”, testi ancora oggi brillanti e necessari: ingiallita la copertina, ma non il contenuto.

La seconda sezione fra pareti di giallo fosforescente dipinte accoglie la voglia di rinnovamento degli anni ‘60-’70 nel consumo di cibo e nelle forme di convivialità attraverso nuovi importanti contributi come quello della fotografia, dell’arte contemporanea, del cinema e della pubblicità. Il cibo in questa cronologia arriva però anche a declinarsi nelle sue forme più consumistiche ed diventa oggetto dello sguardo critico dell’arte, come ci ricorda l’immancabile zuppa Campbell’s di Andy Warhol o la gigantesca insegna luminosa che a intermittenza abbaglia lo spettatore con la parola Eat (Robert Indiana, The Electric Eat, 1964). In questa storia americana c’è spazio solo per un piccolo ambiente di storia italiana, fra foto di cassiere simbolo dell’ottimista modello di vendita moderno e gadget pubblicitari gonfiabili di noti marchi alimentari degli anni ’60.

Lascio questo ambiente dai colori fluorescenti accompagnata dal motivetto mandato in loop dei grocery store americani e salgo al piano superiore per la terza parte di questa apparentemente mostra infinita. L’allestimento si fa di un bianco accecante, cosparso di opere di arte contemporanea e paradossalmente vengo avvolta da un forte odore di pane che scoprirò provenire da un'opera di Mario Merz, (lgloo di pane, 1989). In questa sezione il cibo torna protagonista nella sua veste più materiale, esprimendo tutta la complessità della questione alimentare del nostro tempo, attraverso le opere realizzate con pane, uova, latticini, e nella sua veste iconica in una visione esagerata, allargata, stravolta del cibo che da passivo oggetto di consumo diventa soggetto globalizzato della questione politica,prevaricando e mettendo con forza in soggezione uno spettatore piccolo e vulnerabile confrontato con le grandi dimensioni delle istallazioni: hamburger, hot dog, pesci giganti e una sovradimensionata forchetta con tanto di spaghetti arrotolati (Claes Oldenburg a Coosje van Bruggen, Leaning Fork with Meatball and Spaghetti III, 1994).

Più gentilmente arrivano le sottosezioni in cui il cibo ritrova il contributo della moda e dell’architettura, seducendo con le creazioni di Issey Miyake (Pleats please) e i progetti che riflettono una tendenza ormai consolidata di grandi nomi a servizio di grandi luoghi di produzione, come quello di Mario Botta per la Cantina La Petra e Renzo Piano per la Cantina La Rocca. In chiusura di sezione non è più il design che si avvicina al cibo, ma in un gioco di ribaltamenti è la gastronomia a diventare designer di se stessa, come nei servizi di piatti realizzati da Gualtiero Marchesi per Villeroy Bosch e gli oggetti di Alain Ducasse.

Questa narrazione in 7000 metri quadrati, fagocita anche il magnifico giardino dove funi tese ancorano saldamente l’ultimo baluardo della deriva consumistica del cibo moderno, una bottiglia gonfiabile di Ketchup Daddies delle dimensioni di un palazzo. (Paul McCarthy, Daddies Tomato Ketchup Inflatable, 2007).

Esco dal Palazzo dell’Arte dopo 160 anni di storia del complesso rapporto fra arte, cibo, nutrizione e convivio, ripercorsi in quasi quattro ore di visita e rifletto che il cibo non solo può e deve “nutrire il pianeta” ma anche, come ha sempre fatto e auspicabilmente continuerà a fare, l’arte e tutti i suoi media e linguaggi.




Camilla Cipriani archivio »

RUBRICHE

MERCATO E MERCATI

30/09/2015
La riconquista. Una nuova relazione
fra campagna e città

Tra i temi sui quali l’Expo Milano 2015 ha centrato il proprio interesse - e che ha una fortissima attinenza con i contenuti della Carta di Milano - c’è sicuramente la relazione tra campagna e c...

Arch. Teresa Maria Sorrentino e Arturo Semerari
archivio »

IL TERRITORIO SI RACCONTA

26/10/2015
Expo ha dimostrato il paradigma del globale più locale
Spero che, nell’euforia del successo di Expo, nessuno si offenda, facendone un piccolo bilancio, se lo raccontiamo come un microcosmo dove per sei mesi si è rappresentato il macrocosmo....

Aldo Bonomi
archivio »

UNA FINESTRA SULLA SCIENZA

3/09/2015
La grande bellezza del paesaggio italiano
Qual è il paesaggio più bello? L'Italia gode in questo ambito di fama mondiale, eppure il nostro paesaggio, come tutti gli altri, deve fare i conti con le attività umane. In futuro la sfida consis...

Silvia Fineschi e Alberto Giuntoli
archivio »

STORIE

1/10/2015
Un’Impresa etica
E’ una storia vera, non così conosciuta come meriterebbe....

Paolo Ghiazza
archivio »

DOSSIER

1/05/2015
La Carta di Milano
Vai all'articolo "La Carta di Milano è soltanto l'inizio"        ...
archivio »

IL PADIGLIONE GIORNO PER GIORNO

31/10/2015
Il meglio della giornata - 31 Ottobre
Gran finale di Expo Milano 2015 all'Open Air Theatre e il nostro saluto a tutti voi...
archivio »

IL COMMENTO

30/10/2015
Dalla lana di mare ai tessuti di arance, ai tornelli più sostenibili del mondo: presenti a Expo alcune delle innovazioni selezionate da ADI e in corsa per il Premio Compasso d’Oro 2017
Il Premio Compasso d'Oro istituito nel 1954, è il più antico e prestigioso premio mondiale per il Design e l’Architettura. ...

Nicoletta Chiorri
archivio »

L'ALTRO VISSANI

25/10/2015
Torrone Canelin
Dolce tipico natalizio, insieme a panettone e pandoro, il torrone ha origine molto antiche che alcuni farebbero risalire all'antica Roma, come attesterebbero citazioni di Marco Gavio Apicio nel suo ...

Gianfranco Vissani
archivio »

STORIE DI GUSTO

13/10/2015
Golosaria
...
archivio »

BRICIOLE

29/05/2015
Banco Alimentare a Expo
Cominciano le attività di recupero

25 maggio 2015, EXPO. Dal 2 maggio sono cominciati i recuperi di Banco Alimentare in Expo....

Martina Viganò
archivio »

IL PRODOTTO


Nessun articolo per questa rubrica

AGROFOOD

22/09/2015
Lagostina: il piacere italiano di fare buona cucina
La storia di Lagostina si intreccia con la storia della società italiana a partire dalla sua nascita a Omegna nel 1901. La sua spinta innovativa emerge rapidamente: nel ‘33 Lagostina è la prima a...

Fausto Milanesi
archivio »

SUPERMARKET

15/04/2015
Per il museo nazionale al Quirinale
C’è un lieve brusio attorno al Colle del Quirinale, vari pensieri affiorano su cosa fare di quell'enorme e magnifico palazzo. È un po' come l’inizio del poema sinfonico La Moldava di Smet...

Carlo Orlandini
archivio »

ECO CUCINA

28/09/2015
SalvaLaCena:
Riso troppo cotto con la Silvana

Un attimo di distrazione o magari anche più di un attimo…Ed è facile ritrovarsi con il riso stracotto. Come porre rimedio e trovare comunque un utilizzo? Sicuramente dovremo cambiare piano e qu...

Lisa Casali
archivio »

DIRITTO AL CIBO

1/05/2015
La Carta di Milano
è soltanto l'inizio

È stata definita un “documento di cittadinanza globale”, uno strumento fortemente partecipato, finalizzato a coinvolgere i cittadini di tutto il mondo attorno al tema della sostenibilità della ...

Silvia Torraca
archivio »

CASE HISTORY

18/05/2015
Bouquet di sapori
L’impresa ortofrutticola sarda ‘Sa Marigosa’ lancia la sfida dei prodotti sott’olio sempre all’insegna dell’alta qualità. Lo slogan aziendale: «Non facciamo conserve, conserviam...

Elisabetta Tufarelli
archivio »

NOI E LA CINA

1/10/2015
L’arte della carta ritagliata, un tramite con la cultura cinese
Ancora oggi in Cina, secondo la tradizione popolare, alla vigilia della Festa della Primavera, le donne ritagliano fogli di carta rossa in varie forme per decorare gli stipiti delle finestre e delle ...

Istituto Confucio dell'Università degli Studi di Milano
archivio »

CURIOSITA'

12/05/2015
Alimenti particolari e specialità rare in Italia (seconda parte)
LA SALAMA DA SUGO Da più di cinque secoli regina della gastronomia Ferrarese é la Salama da sugo, considerata dagli esperti “il sapore più forte e maturo” ed al tempo stesso, più elegante di...
archivio »

LE PAROLE DEL GUSTO

10/09/2015
Se non è espresso, non è caffè!
Un caffè all’italiana ...

Paolo D'Achille
archivio »

CIBO E SALUTE

29/06/2015
Infiammazione da cibo
Esiste anche l'infiammazione da cibo e oggi è possibile misurarla e definirla andando quindi al di là della conoscenza di valori del sangue come la VES e PCR che da oltre 50 anni restano gli unici ...

Giorgio Calabrese
archivio »

IL PIATTO PER EXPO

28/07/2015
Consistenze di zucca con caviale Calvisius e profumo di salvia
Ingredienti per 4 porzioni ...

Chef Beppe Maffioli • Ristorante Carlomagno • Collebeato (Bs)
archivio »

PROGETTI PER LE DONNE

27/07/2015
Vulvodinia
AIV Onlus è la prima associazione in Italia a occuparsi di vulvodinia, nata per volontà di alcune figure sanitarie e di alcune donne, guidate dal Dott. Murina che aveva deciso di indirizzare i s...
archivio »

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk

I SOCI DI EXPO

logo-mef-new
logo-bie-paris
logo-bie-paris
logo-bie-paris
logo-bie-paris

PARTNER

logo-mef-new
logo-mef-new
logo-mef-new
logo-mef-new

logo-mef-new
logo-mef-new

SPONSOR TECNICO UFFICIALE

logo-mef-new
logo-mef-new
logo-mef-new
logo-mef-new
geox
diadora
logo-mef-new
logo-mef-new
logo-mef-new

MEDIA PARTNER

logo-mef-new